Le Due Città
+ GDRCD
GdR-CD
I GdR Cos'è un GdR? I GdR On-Line
GDR-CD© News Scarica GDR-CD© Ambientazioni La Scheda Personaggio
Altro I Giochi autorizzati Copyright e Credits

PICCOLO TRATTATO SUL GIOCO DI RUOLO

di Romeo Gentile

I GdR: Giochi di Ruolo

Il "Gioco di Ruolo" (GdR) è un gioco nel quale ogni giocatore, o "player", recita la parte di un personaggio.

La differenza tra un GdR ed una recita è che niente è predeterminato. Lo svolgimento dei fatti, ciò che potrà provocare la vittoria, i fatti che portano una vicenda ad assomigliare più ad una commedia piuttosto che ad una tragedia, è quasi completamente nelle capacità e nelle abilità dei giocatori.

- Esempio

Nella recita, l'attore impersona Zorro che, come prevede il copione, riuscirà in duello ad avere la meglio sul sergente Carcia.

In un GdR, due giocatori impersonano rispettivamente Zorro ed il Sergente Garcia. In duello, una mossa sbagliata di Zorro potrebbe portare alla sua morte (virtuale).

Supporti di un GdR: cosa serve per giocare?

Cosa è necessario: solo la fantasia.

Si può giocare in due, quattro, dieci o cento persone, senza spendere un soldo. L'unica cosa della quale si ha davvero bisogno è un'ambientazione, la scelta di un personaggio per ogni giocatore, ed un canovaccio per la storia. Poi ognuno dirà ciò che fa il proprio personaggio, e la storia potrà iniziare.

I GdR "da tavolo", reperibili in un negozio di giochi ben fornito o in uno dei centinaia di negozi specializzati, forniscono un'ambientazione organica, materiale cartaceo per tenere traccia dell'evoluzione del personaggio (la "scheda personaggio"), dadi, mappe, manuali di regole e raccolte di personaggi pronti all'uso. Il costo è abbordabile, una "giocata" può anche occupare diverse settimane, e l'acquisto di un GdR abbastanza diffuso permette di trovare in giro, magari proprio attraverso internet, un bel po' di gente pronta ad unirsi a voi per passare delle belle serate. Lo svantaggio è che il GdR da tavolo è difficile da organizzare, non permette facilmente di lasciare il gioco prima della sua conclusione, e può essere difficile da imparare. Alcuni GdR prevedono come minimo la conoscenza di decine di pagine di regole che per il giocatore non esperto può essere uno scoglio difficile da superare.

È possibile addirittura organizzare un GdR "live" in cui ogni giocatore impersona direttamente il suo personaggio, in un ambiente affittato per l'occasione (un vecchio castello, un parco privato e così via), in costume, con attrezzature "di scena" come spade, corone, armature, fiaccole e così via...

Impropriamente, vengono chiamati GdR (o RPG, Role Playing Games ) anche giochi elettronici più o meno complessi nei quali il proprio personaggio affronta mostri generati dal computer o personaggi guidati da altri giocatori, ed accumula punti raccogliendo oggetti e sconfiggendo gli altri. Alcuni di questi giochi sono molto diffusi anche in Italia, possono prevedere anche l'acquisto di una connessione dedicata con la quale il produttore del gioco recupera il denaro speso per lo sviluppo.

Questi giochi, personalmente, preferisco chiamarli "giochi elettronici", e non "Giochi di Ruolo". Sono molto divertenti e spettacolari, ma hanno una grave pecca.

Relazioni umane

Quello che distingue il vero Gioco di Ruolo da un gioco elettronico è la possibilità dei giocatori di interagire tra loro attraverso le azioni dei propri personaggi.

È il piacere dell'azione irrazionale, della reazione imprevista, affatto automatica o conteggiata che affascina maggiormante chi "gioca di ruolo".

E, soprattutto, il fatto che giocando con altri, il fine stesso del gioco non è la vittoria (spesso neanche prevista), ma il gioco in sè.

Questa è in assoluto la cosa più importante.

Romeo Gentile - 9 Ottobre 2004


http://www.2citta.it ~ © Romeo Gentile

Valid XHTML 1.0 Transitional